username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Afflizione accarezzata

Sanguina nel profondo il cuore muto,
suscita commozione ciò che hai detto;
ulula forte il vento dentro il petto,
anche se non sa cosa sia avvenuto.

Cuneo appuntito, fiele già bevuto;
lacera il dolce amore mio diletto
sibilo silenzioso a me diretto,
giunge come una spada a sesto acuto.

Languida melodia suona un'orchestra,
di viole e mandolini in un sestetto;
corre nell'aria, entrando da finestra.

Sale un profumo buono di ginestra,
un bimbo piange, vuole il suo giochetto;
fronde d'intenso giallo su via maestra.

Con la mia mano destra
sfioro il tuo volto amato e senza pianto
mi guardi, mi sorridi, mi sei accanto.

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Domiziana Gigliotti il 26/03/2015 08:49
    Una lirica degna di nota per la sua composizione; ogni verso è melodia ed afflizione anche per il lettore. Un canto dolce, tenero e commovente dove si intravede la fusione intensa e profonda tra due anime. Un abbraccio e una serena giornata.
  • Vincenzo Capitanucci il 26/03/2015 08:11
    dolcissima.. quel giallo ginestra.. sa d'infinito.. come quel volto che accarezzo nel canto..
  • Rocco Michele LETTINI il 26/03/2015 04:38
    Verseggio sentito... ha parlato un cuore tenero... dolce... sincero... Lieta giornata ver...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0