accedi   |   crea nuovo account

[Senza titolo]

Generazione di nullafacenti
plagiata dalle star televisive e dalla pubblicità
che si ingozza di merendine e bibite
senza staccarsi dalla sigaretta che tiene tra le dita
Generazione di finti alcoolizzati, drogati per moda
Lettori per noia e musicisti per controtendenza
Caproni comandati e comandanti di capre
Alfieri della mediocrità
Ce ne stiamo qui
seduti su uno sgabello traballante
e ridiamo mentre il mondo collassa
e il tempo trapassa
Spaparanzati in un mare di nulla
aspettiamo che accada qualcosa.
Ma un giorno scoccherà la scintilla
che accenderà un nuovo immenso fuoco
e risplenderà per sempre
nel vuoto infinito
bruciando le nostre sporche membra.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Marianna Sabia il 01/12/2011 17:25
    Rabbia, desolazione ma anche una fortissima lucidità nel descrivere la nostra realtà: una generazione inerme, incapace di reagire a ciò che la circonda. Ma non siamo tutti così, alcuni si ribellano attraverso la televisione, la musica e la poesia, come la tua. Complimenti.
  • vasily biserov il 11/07/2010 12:55
    giustissimo... però cerchiamo di ribellarci, di infrangere le regole, di cambiare veramente questo mondo!
  • Aldo Occhipinti il 12/08/2008 02:45
    per i più è proprio così - tempi duri per crescere, tempi duri per vivere e trovare un perchè - ma tra Caproni comandati e comandanti di capre ci deve essere lo spazio per la pecora nera che scuote il gregge! troviamolo!
  • narco muto il 20/05/2008 19:08
    siamo schiacciati dal peso del nostro nulla
  • Alfa Alfa il 01/05/2008 14:31
    siamo inconsapevoli artefici di un futuro che sempre più assomiglia ad una palla di cannone
  • paolo veronesi il 11/11/2007 14:28
    Non voglio credere che siamo tutti così, deve esserci un alito di speranza anche se, devo ammettere,è ben nascosta nei nostri cuori.
    Paolo
  • laura cuppone il 21/09/2007 00:52
    la tua critica all'umanità.. alla modernità è obiettiva anche se troppo pessimista...
    siamo ancora vivi nonostante non ce lo meritiamo e un giorno un gran fuoco ci brucerà.. annnullerà...

    spero proprio che il nosto sonno sia breve e che le nuove generazioni capiscano l'importanza dell'essere tralasciando un po' quella dell'avere...
    ci si riflette...
    ciao L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0