username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Mitili

Quando nell'allevamento di cozze
capita un calamaro per caso,
tutte si schiudono schiumando.

Coccolato da tanto amore
il calamaro scappa a gambe levate,
le cozze non erano digeribili per lui.

Di solito in questi allevamenti
i mitili si confrontano l'un l'altro,
è un concetto tutto loro la bellezza,
perché loro sanno cogliere i particolari.

Quando guardi un allevamento di cozze,
quel che le distingue è il pelo sul nero guscio,
il resto sono chiacchiere di mitili.

 

1
9 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 15/04/2015 15:22
    madonna quanto è brutta, ha detto Lucia che non so chi è... ma anch'io sinceramente non è che mi sia esaltato... e poi io non le capisco le poesie di questo sito... almeno la maggior parte. Per esempio: poesia introspettiva?... cozze col pelo?... i mitili che sanno cogliere la bellezza?... mah, e pensarci un po' prima di pubblicare una poesia? Comunque sia non posso giudicare perché non l'ho capita... mettiamo sia un cibo, a volte non si capisce se è carne o pesce o verdura ma se piace al gusto uno dice O. K. ma qui non piace nemmeno al primo istinto questa roba... mi scusi tanto, ma un po' di sincerità forse non guasta.
  • frivolous b. il 01/04/2015 13:51
    ahahha divertente, ben scritta e molto istruttiva... adoro!
  • roberto caterina il 28/03/2015 08:52
    Molto carina Silvia e anche profonda, brava...
  • Rocco Michele LETTINI il 28/03/2015 07:34
    Un verseggio che lascia un insegnamento... badare alla rettitudine... non alle chiacchiere ubriacanti... Lieto fine settimana Silvia...
  • Vincenzo Capitanucci il 28/03/2015 07:33
    la bellezza sta nei particolari.. piaciuta Silvia.. il resto sono chiacchiere di militi.. come la fuga del calamaro.. troppo amato,,,

9 commenti:

  • silvia leuzzi il 15/04/2015 22:26
    pazienza caro Duliamo se uno pubblica si può aspettare di tutto. Arrivederci
  • Anonimo il 15/04/2015 15:27
    ah... poi leggo il commento di virginia poggi che dice: credevo tu parlassi di cozze commestibili ma poi ho capito... ah, io sarò tardo, ma mai avrei pensato che si parlasse di cozze pelose come metafora... puah, che schifo... avrà capito male la virginia, oppure ha ragione...?
  • Anonimo il 15/04/2015 15:24
    Ed infatti ora che leggo tutti i commenti non ce n'è uno che collima: chi dice divertente, chi profonda, chi trae un insegnamento... io niente, come pesce lesso rimasi dopo che la lessi... un saluto.
  • silvia leuzzi il 30/03/2015 08:46
    Non avevo dubbi dolce Virginia ti ho risposto rimanendo dentro al gioco delle allegorie. Un abbraccione
  • virginia poggi il 28/03/2015 20:06
    è che appena sento parlar di cozze mi parte l'associazione con quelle commestibili!... ma il vero senso della tua poesia mi era chiaro! ancora complimenti!
  • silvia leuzzi il 28/03/2015 19:54
    Grazie Virginia sicuramente dalle tue parti le cozze sono davvero buone. Alcune cozze vere invece cercano sempre rogna ma sono davvero pietosamente comiche ahahahahhh
  • virginia poggi il 28/03/2015 16:49
    mai sottovalutare quello che le cozze possono insegnarci! da tarantina, che di cozze qualcosina ne sappiamo, ti dico che leggendo questa poesia mi sembrava di essere nella Città Vecchia, guardando il mare e sentendo quel profumo nelle narici! molto carina, originale e con un bel messaggio tra le righe!
  • Anonimo il 28/03/2015 13:21
    Che eri 'na cozza si sapeva... ma pure il pelo, no, dai! Madonna quanto so' brutte 'ste poesie!
  • silvia leuzzi il 28/03/2015 11:22
    Carissimi amici sempre attenti e gentili, abbiamo cercato di combinare una specie di salsa poetica agro dolce. Un abbraccione e buon fine settimana a voi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0