PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Risorse interne

Si avvolse così tanto
nella fisicità del suo corpo
da non vedere neanche più uno straccio di cielo

ma
le fate del bosco
e
gli gnomi della terra

lo nutrirono di miele e lo vestirono con lamine d'oro

come se fosse

un uomo morto
nel cuore

da riportare

celermente in vita

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 31/03/2015 17:16
    Un plauso sincero e dovuto per questa tua eccezionale davvero.
  • francesco contardi il 30/03/2015 15:59
    Sfruttare al massimo le proprie risorse interne. ... tu ne hai costruito poesia! Su ogni cosa crei poesia! Ciao Vincenzo Buona serata
  • Rocco Michele LETTINI il 30/03/2015 08:41
    LE RISORSE INTERNE POETIZZATE COME UNA DOLCE FAVOLA... FATE DEL BOSCO... GNOMI DELLA TERRA... IN UN RINASCERE VITALE... NON SOLO CRETIVITA' VINCE'... C'È UN CUORE ALLO STATO DI PUREZZA...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0