PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quel ramo di ciliegio staccato dal vento

Fu una domenica d'immenso
Che s'apri in me soave
Con le tue melodie
Per il mio sentire.
La tua voce
Scaldo' quel mio
Gelido sole
Di fine novembre.
La tua,
Col tuo timbro
Timido,
Leggero,
Quasi imbarazzato.
Ma su di me
Già pienamente
Benevolo.
T'ascoltai.
Dolce
Immaginarti
Nel versare
Parole.
Le tue paure,
Pensieri,
Le emozioni.
Capii subito
Che eri un ramo
Di ciliegio staccato
Dai venti del passato.
Capii subito
Che c'era dolore.
Mi accorsi
Però di parlare
Con la fata senza bacchetta,
Con la dama senza ornato velo.
Ma parlavo
Ad una donna,
La madre,
L'immagine della famiglia.
E già mi catapultavo
Nell'immagine di quel quadro.
Solo tramite
L amore.
Raccogliendo
E proteggendo
Quel ramo di ciliegio
Che non sarà più
Molestato
Da qualsiasi vento.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 31/03/2015 17:20
    E immensa è questa tua. Complimenti vivissimi!
  • Vincenzo Capitanucci il 31/03/2015 08:22
    Quel ramo di ciliegio
    non sarà più
    molestato
    da qualsiasi vento. ... molto bella Francesco.. Fu.. una domenica d'immenso..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0