PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vita

Nel tempo d'amaca del pomeriggio
attento alle voci
fuori e dentro di me
chiusi gli occhi nell'attesa del sentire
con quest'aria che orecchia la pagina
sia verticale la penna
al magnetismo dei pensieri
a prova d'inceppo
ecco il fluido ricamo
l'incontro a pentagramma del silenzio
a note di cip
del buio del dentro
che emerge trema accoglie
ogni spillo, ogni macchia bluastra
le stille con punta di freccia
Quant'ansia spremacciata come un cuscino
perchè torni il respiro
Devo costruire un muro a secco
di pietra che spurghi il pianto del tempo
asciugato dai muschi

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 01/04/2015 06:06
    Bellissima Giuseppe.. un soffocamento vinto da un verticale di penna.. se lo permetti.. la metterò sulla mia pagina di fb.. fammi sapere.. grazie.. Vita di Giuseppe Amato...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0