accedi   |   crea nuovo account

Paese mio

Paese mio
ti lasciai già infante,
paese mio nativo
sei come il primo amore,
non ti si scorda mai,
ti ho tradito
eppure lontano non sei,
sempre rimani
in questo mio cuore
ancora infante,
anche se gli anni
son volati
e sono tanti,
da vedermi allo specchio
già bianco come finocchio,
eppure è già aprile
e quel bacio nel fienile,
mi porta a te,
paese mio,
un tette a tette
con la bimba
e te che me reggevi
er moccolo bene.

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Emiliano Francesconi il 01/04/2015 10:36
    Bellissimo il ricordo del paese natio, dall'infanzia a quel primo bacio nel fienile cullati dalla magica atmosfera del paesello tuo!!!! Un saluto Don!!!
  • Vincenzo Capitanucci il 01/04/2015 06:33
    l'enfance dans mon village ce fut un tête-à-tête aveco l'amour... bella Don.. paese mio..
  • Rocco Michele LETTINI il 01/04/2015 06:16
    IL PAESE PROPRIO... È COME IL PRIMO AMORE... NON SI SCORDA MAI... FANTASTICI VERSI...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0