accedi   |   crea nuovo account

L'ambiguità della sua bellezza

Mistica emozione che dipingi il mio mondo
Perché esisti?
Sei dubbio persuasivo della mia psiche.. Ho timore di denudare i tuoi neri colori per poi cancellare le tue intense trepidazioni.
Nutro terrore per la nudità del tuo innocente e bianco corpo,
del tuo ardente e ansimante respiro vuoto.
Fra la realtà la vidi che si volse..
scorsi la sua ombra nel mio psicopatico mondo a colori.
Distesa cadde fra il mio pulsante cuore e le mie membra peccatrici.
Immensa apparve come la sua follia...
Era onda indomita,
Mare sereno che nelle mie vene scorreva.
Sequenza di giorni infiniti di tempo vissuto e donato.

Buio...
Prendo coscienza dei miei sensi.
Lame affondano la mia carne,
sadiche sensazioni si nutrono del mio sangue.
Tremo.
La mia mente necessita la tua morte
Svanisci in una spirituale bellezza fisica.
Addio.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 02/04/2015 17:04
    Una dedica vestita di profondo... SERENA PASQUA GIULIA

1 commenti:

  • francesco giuffrida il 09/04/2015 19:28
    Fra la realtà la vidi che si volse..
    qui raggiungi il tuo apice! complimenti.
    La tua suscita forti emozioni ma amagari qua e là andrebbe
    leggermente limata.
    e avrei eliminato quell'addio finale che a parer mio risulta eccessivo.
    nel complesso davvero un ottimo componimento.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0