username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Scivoli via, Primavera

Tante piccole case
allo spuntar del giorno

scorgo rondini annidiate
e leggeri cinguettii

vige calma, un po' distratta
al brusio delle stradine.

Leggerezza e beatitudine
dei camini ancora spenti.

Sento gli alberi parlare
della gioia della vita,

vedo i prati ed i colori
e un ruscello che li sfiora

come il bacio di un'amante
nel tepore della sera.

Resta ferma, Primavera,
non voltare già le spalle

son finiti i freddi inverni
e i silenzi nelle stanze;

per godere dei profumi
lunghe attese, lunghe sere...

Già sei corsa via lontano
nel bagliore dell'estate

ogni giro intorno al sole
è purezza che respiro

ed un'eco di chiarore
quando, amara, l'afa incombe.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0