PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ragazzo d'oggi

Mi accorgo dei begli occhi
di là dal finestrino,
in blandi sguardi opachi,
il volto birichino.

Con macchie d'arabesco
sulla lucida pelle,
hai un aspetto grottesco;
son vuote le pupille.

Tra orpelli ciondolanti,
con il ciuffo spavaldo,
hai orecchie auricolate,
bucate di smeraldo.

Mi ricordi un fumetto
di Moicani ed Uroni,
non eran certo buoni,
sei solo un ragazzetto!

A che altro pensi sotto
l'ardita cresta bionda?
È sfida questo aspetto?
Menzogna ti circonda?

Quant'è diverso il mondo!
forse ti va un po' stretto,
È un disagio profondo!
E... il ben dell'intelletto?

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 09/04/2015 09:08
    Devo dire apprezzatissimo sia nello stile che nella forma e senza escludere il contenuto.
  • Anonimo il 07/04/2015 13:22
    Dietro il disagio dei giovani d'oggi ci sono, a mio avviso, disagi familiari e ambientali; inoltre, i canoni proposti dalla società e dal mondo della televisione accentuano il disagio. La cresta, i pearcing, gli atteggiamenti aggressivi e ribelli sono solo manifestazione di questa non-integrazione. Bisogna "leggere" i messaggi in codice che ci inviano.

1 commenti:

  • Stanislao Mounlisky il 10/04/2015 09:06
    Ha voluto farsi notare e c'è riuscito benissimo! e il bello è che, probabilmente, lui non ha notato te... come non avrebbe notato me o altri "antichi" come noi...
    W i giovani d'oggi! Non hanno lavoro, non avranno pensione, hanno a che fare con un mondaccio spaventoso... mi pare il minimo farsi tatuaggi, piercing e pettinature vistose!!!
    "Io esisto comunque", ci dicono.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0