accedi   |   crea nuovo account

A la musa Ispiratrice

Dentro a sto petto lo core freme
quando l'indifferenza de li amici annulla
ogni mio nobile pensiero, e quindi teme
l'isolamento e di mostriciattoli pullula;

Questi mostriciattoli, ignobili esserini,
sto core già stanco, con piacere attaccano,
da far divenir li pensieri tutti piccini,
e come inutili macchinari li ammaccano.

O tu musa ispiratrice in questo 'to 'sente,
nun guardar altrove, ove nulla trovi,
mostra a me la forza tua possente
e lasciami quel che ne l'animo tuo covi;

affinché quattro righe io possa scrivere
e aver così il grande piacere di vivere!

 

l'autore Don Pompeo Mongiello ha riportato queste note sull'opera

Questo sonetto è di tipo inglese.


2
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 08/04/2015 08:12
    Un sonetto... per decantar la tua franchezza...
  • Vincenzo Capitanucci il 07/04/2015 12:02
    l'indifferenza de li amici annulla
    ogni mio nobile pensiero... un bel guaio Don.. è un male da superare.. per il ritrovare il piacere di vivere.. senza avere limite alcuno.. almeno sei onesto Don...
  • Verbena il 07/04/2015 10:18
    La Musa non può non ascoltare versi tanto puntuali di preghiera forte e sofferta. Complimenti.!

3 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 09/04/2015 09:20
    Caro Don, non dubitare mai dell'affetto e della stima di tutti noi... alle volte la vita ci prende, ci distrae, ci stordisce con mille incombenze... ma appena possiamo torniamo e ti leggiamo come sempre.
  • Ellebi il 08/04/2015 00:00
    Don, ci sono giorni, anche due o tre, che mi capita di non collegarmi proprio con PR, e c'è poi, mi pare, anche altri lo hanno notato, una diminuzione delle letture che lascia presagire poco di buono per il futuro di questo SN, e tuttavia, guardando un po' in giro, non mi pare che ci sia molto di meglio, in quanto a siti letterari, di meglio, e allora non facciamoci troppo caso ai mostriciattoli, ignoriamoli per quanto possibile, magnifica questa tua poetica lamentazione. Saluti Don
  • Don Pompeo Mongiello il 07/04/2015 09:40
    Si riferisce alle precedenti tre mie poesie piena di zeri, ove anche i miei più fedeli amici con un'alzata di spalle mi hanno mostrato la schiena.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0