accedi   |   crea nuovo account

Velluto di Luna

Era l'una di notte
quando venne ad affacciarsi al cielo del mio balcone

bianca la sua pelle di ceramica antica
era ricoperta
da un drappo azzurro di fiori

chi non ha cielo
non conosce nubi

mi disse

né veli di sole

prendi la tua penna ed accarezzami i fianchi

cammina insieme a me
verso l'alba amica

incurante del sonno e del brutto tempo di ieri

 

1
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 10/04/2015 15:42
    Una fantasia espressa in parole delicate e belle da renderla si può dire concreta a li occhi di chi ti legge.
  • eurofederico il 09/04/2015 20:45
    CHI NON HA CIELO NON CONOSCE NUBI... chi non ha sogni non vive, non soffrira' per i suoi sogni irrealizzati, ma nemmeno vivra' la gioia del sognare! bei versi!
  • Rocco Michele LETTINI il 09/04/2015 18:28
    Straordinaria Vincè... se bastassero questi soli tuoi versi sgorgherei gaudio ininterrotto...

1 commenti:

  • Chira il 09/04/2015 17:06
    ... il tuo è un cielo infinito, fatto d'AMORE... ed allora conosci nubi e veli di sole, non ti curi del sonno perduto e il brutto tempo di ieri sembra svanito. Grazie Capitano!
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0