accedi   |   crea nuovo account

Autobus

Era buio, ricordate la fermata?
Sicuramente era affollata,
non era un'ora di punta,
ormai non ci si capisce più niente
è sempre pieno di gente
senza facce, senza niente.

Il percorso accidentato,
le strade poco curate,
i soldi vanno altrove
a noi restano le buche.

Forse ho sbagliato percorso
ma dove sono diretta?
Voi avete le idee chiare?

Ci si ritrova per caso
seduti vicini, a volte,
con il naso in aria,
con l'impazienza che morde,
con l'arroganza che aggredisce,
con la spregiudicatezza che colpisce,
in mezzo a un traffico infernale.

Come il tempo, corre,
e non c'è modo di fermarlo
per via, bisogna aspettare
che arrivi alle fermate
dove c'è chi scende
dove c'è chi sale.

Non parlate al conducente
non può voltarsi,
non può fermarsi,
non può fare niente,
pena un incidente e
si rovinerebbe per niente,
non ci resta che aspettare.

Hai visto mai che
azzecchiamo la fermata
e la discesa è meglio che la salita?

 

2
4 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 14/04/2015 18:56
    Sono cose anche da me vissute, e credimi rendono pazzi soprattutto i conducenti con un salario da fame e i nervi a pezzi, che se raggiungonp la mia età è un trionfo.
  • francesco contardi il 11/04/2015 18:05
    Bravissima Silvia mi è piaciuta tantissimo! Un saluto Francesco
  • ciro giordano il 11/04/2015 13:50
    siamo portati da altri in questo viaggio, nemmeno scelto da noi, il conducente è spesso invisibile, o ha una faccia truce, impenetrabile, e soprattutto non è possibile scendere fuori fermata... Che dirti? fa pensare, ed è anche ironica
  • Vincenzo Capitanucci il 11/04/2015 09:28
    era buio.. gente senza facce e senza niente... c'è chi scende e chi sale... con l'impazienza che morde,
    con l'arroganza che aggredisce,
    con la spregiudicatezza che colpisce,
    in mezzo a un traffico infernale.

    pochi arrivano al Capolinea.. molto bella Silvia..
  • roberto caterina il 11/04/2015 08:48
    Carina questa metafora del viaggio in autobus tra buche e divieti... mancano quelli più obsoleti come vietato fumare o sputare per terra... per il resto il traffico è sempre quello e i compagni casuali spesso non escono dal caso...

4 commenti:

  • silvia leuzzi il 15/04/2015 09:00
    Ciao Pompeo è un piacere trovare un commento grazie
  • silvia leuzzi il 13/04/2015 08:47
    Grazie Francesco fa sempre piacere leggere un commento così entusiasta al proprio componimento. Abbraccione
  • silvia leuzzi il 11/04/2015 14:02
    sono contenta che ti piaccia Ciruzzo ahahhahh ciao grazie
  • silvia leuzzi il 11/04/2015 13:40
    Grazie amici siamo tutti su un'autobus accidentato, ma dove arriveremo di questo passo?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0