PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I cani di Andrea

Bruciano i corpi
tra guaiti di dolore
e risate sarcastiche
di scherno e derisione.

Carni un tempo martoriate
da percosse e sputi
immolate sull'altare
dell'umana cattiveria.

Eppure quei corpi
hanno avuto le carezze,
eppure hanno visto
amore e cura.

Non piangete
sopravvissuti all'olocausto,
non cercate in ogni dove
gli amici senza vita.

Guardate le lacrime di Andrea,
e correte, correte per dimenticare;
mettete il vostro muso
tra le mani di chi amate,
agitate le vostre code
per strappare alla morte
un sorriso di speranza.

Solo così chi vi ama
potrà ricominciare,
solo così potrà sorgere
un nuovo giorno
senza odio e senza rabbia;
la vostra gioia di vivere
sarà la forza per chi spera
e i vostri occhi
avranno la luce
di chi non vede più.

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Walter Tresoldi il 29/05/2015 21:06
    Tanto, tanto tempo fa... c'era in Tv una trasmissione sugli animali.
    Una frase vi risuonava sovente: "gli amici dei miei amici (animali) sono miei amici." O qualcosa di molto simile
  • eurofederico il 14/04/2015 05:55
    bellissima e significativa! occhi che parlano quelli di un cane e dicono parole consolanti e di speranza...
  • Vincenzo Capitanucci il 14/04/2015 04:25
    Molto bella Vincenzo.. guardate le lacrime di Andrea.. e correte e correte. . non tutto il mondo è umana cattiveria..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0