PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Angoscia popolare

Sulla strada un vociare assordante:
grida, proteste, slogan di condanna
dell'amministrazione quando inganna,
con la gestione scaltra ed arrogante.

Serpeggia una violenza dilagante
nei cuori della gente che s'affanna,
in chi preferirebbe una capanna,
e non quel vento ostile e soffocante.

E le reazioni son giustificate;
per dignità disposti a digiunare
piuttosto che subir mascalzonate.

Famiglie impoverite e disperate,
che attendono soccorsi per le amare
notti angoscianti e buie, sopportate.

Lamento disumano
di folla ch'è lo specchio d'un gran popolo
che piange, per governi senza scrupolo.

 

3
2 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 16/04/2015 09:05
    una poesia di attualità e di denuncia che ci deve far riflettere e indignare.
  • Dora Forino il 15/04/2015 10:23
    Cara Verbena, ha descritto con grande realismo, la situazione
    che versa l'Italia, con un governo, che pensa solamente a vedere i propri interessi a discapito del popolo che sta male.
    Famiglie impoverite e disperate, che attendono soccorsi per le amare notti angoscianti e buie, sopportate.
    Brava! Con affetto, un affettuoso
    saluto.


  • Michele Prenna il 14/04/2015 18:10
    La musicalità del verso, non a caso endecasillabo o ipermetro, come voce indignata si spezza nel settenario iniziale della terzina finale. Poesia sull'attualità di grande spessore.
  • Vincenzo Capitanucci il 14/04/2015 15:39
    un lamento disumano s'alza.. di gente impoverita.. mentre i governi del mondo li affossano..
  • Rocco Michele LETTINI il 14/04/2015 15:22
    TEMA SCOTTANTE DILIGENTEMENTE DECANTATO... VERSI SENTITI DALL'AUTRICE E... NON POTREBBE ESSERE DIVERSAMENTE...

2 commenti:

  • Verbena il 15/04/2015 09:26
    Dovrebbe esserlo Ellebi ma il caos a cui assistiamo non dice altro
    che disaccordo continuo. Sono convinta che qualcosa c'è di errato proprio nel concetto di Democrazia. Giusto tutto l'impianto di proposte e emendamenti tuttavia dovrebbe esserci la possibilità di governare, cosa che al prim o soffio di vento rischia di cadere. È così da settant'anni ed io penso proprio che ci sia qualche cosa da ritoccare o nel metodo oppure nella formazione dei politici. Scusa la mia lunga dissertazione sul tema.
  • Ellebi il 15/04/2015 01:11
    Ma lo specchio di un popolo, in regime democratico, sono anche i governi. Un saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0