accedi   |   crea nuovo account

Colline

Perdersi nei silenzi, nel vento tiepido del nostro solstizio...
Sopra quel tempio solitario, ma vivo, che ha visto amori senza tempo.
Li senti? So che è così.
Il cipresso ascolta ancora le risate calde come le pietre di quella Rocca,
il cui petto ripara ancora i nostri corpi,
protesi verso le colline di velluto dorato,
pronti a sgorgare impetuosi come una cascata senza fine...
I volti di luce e gli occhi socchiusi
per quel sole che abbaglia anche gli animi assopiti dall'avvolgente inverno.
Sorrisi, sorrisi... e ancora.
Infinito, sembra lo spazio che circonda il Tutto...
E che sorpresa!
Accorgersi che l'universo di stelle che ci sovrasta,
entra tutte le notti nel piccolo quadrato di una finestra.
Diventando ancora più grande in quella stanza...
Con un solo raggio di luce notturna, scintillante ed eterno,
la Luna verrà...
e come un grande sigillo, chiuderà il nostro mondo,
le Colline...
la Notte...
Noi.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 21/03/2010 14:57
    davvero bella i miei complimenti
  • Vincenzo Capitanucci il 04/02/2009 10:56
    Stupenda... Sophie... una luce d'Amore... che torna a casa... in una piccola... piccola... stanza... in un Noi...
  • Ugo Mastrogiovanni il 03/02/2008 11:22
    Versi nati da una momentanea e positiva astrazione lirica. La ricchezza di immagini suadenti e lievi, l’immersione in un paesaggio quasi impalpabile, rende ancora più valida questa piacevolissima opera della brava Sophie.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0