PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Soldi

Din
Don
Dan

al suono del Den
dopo che il Sol nel suo percorso giornaliero avesse aggiunto al suo cero luminoso un triste dì senza l'ombra di un accento

si girarono tutti per l'evidente stonatura

dal sordo batacchio del denaro uscirono soldati e mercenari


dopo l'euforia delle feste
dei doni salati
delle battaglie perse e vinte

delle nubi d'argento
e
dei cuori spezzati

vennero i saldi

d'un D'Un unitario

l'unità riportò nel mondo la vera comprensione ed un respiro di sollievo nell'anima di tutte le tasche

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

.. D'un.. rispetto a Din Don Dan e Den ha un suono quasi impercettibile.. son pochissimi ad udirlo.. ..


1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Rocco Michele LETTINI il 17/04/2015 07:54
    DIN DON DAN... E IL SUO È SEMPRE PIU' DEBOLE... MIRABILE VERSEGGIO...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0