accedi   |   crea nuovo account

Il mio inno alla poesia

Voglio cantare un inno alla poesia:
Arte sublime eleva la parola;
illumina l'istante e come fola,
trasfigura perché ogni cosa sia,
aulica ed infinita.

Compagna nei silenzi della vita,
ci tiene avvinti; grande è la passione
che ci ispira le idee, come emozione
di musica melodica e fiorita
profumata d'ulivo.

E c'innalza nel vortice creativo
fra le stelle; leggeri camminiamo,
pur dissimili, uguali diventiamo
e il nostro cuor diventa ricettivo
e si dilata al mondo.

Sa penetrare l'animo profondo,
e sboccia come un fiore nella mente,
lenisce anche il dolore più cocente;
ravviva il cuore spento e più infecondo,
coi dolci suoi languori.

Attinge ogni bellezza e i suoi valori,
alla fonte, permeando d'armonia
le corde dell'amore con malia,
accendendo le fibre degli ardori
nel luogo più nascosto.

Affina il sentimento e un po' discosto,
lo ricama con garbo, pizzi e trine
e nel pensiero nascono quartine
che mettono parole al giusto posto
con arte e fantasia.

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 18/04/2015 07:14
    voglio elevarmi... con canto di poesia.. nell'arte del sublime.. molto Verbena.. e molto bella.. attinge ad ogni bellezza.. chi accende la fonte..
  • roberto caterina il 18/04/2015 06:07
    Un inno garbato con tanti pizzi e trine... Piaciuto.
  • Rocco Michele LETTINI il 18/04/2015 00:44
    UN INNO DA ENCOMIARE - LIETO FINE SETTIMANA

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0