PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tempesta furente a forza 10 nell'ente

Non sono forse le nostre vite
pur amandoci

due fiumi paralleli

potranno mescolare
completamente
le loro acque solo nell'infinito dissolutivo del mare

il mare è ricco di lacrime salate
e
di amori naufragati su carene d'albe massacrate come masse informi mandate su scogli di "poseidonico" macello

da titanico egemone tempo

di questa sofferenza caotica la mia anima è onda stellata

relitto
divino
di tempesta furente

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 20/04/2015 07:48
    eh quanto vorresti che il Divino scendesse sui nostri oscuri e sporchi viali... Metaforicamente indiscutibile Vincè

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0