accedi   |   crea nuovo account

Tragedia

O voi tempestose acque,
che inondate lo monno intiero,
fermate la vostra ira
e ascoltate la mia preghiera!
Ci son bambini, donne
e uomini mezzi,
in quel Mediterraneo
si coltivano
come fiori di maggio.

 

1
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 22/04/2015 15:10
    " come fiori di maggio " che bell'espressione Pompeo e quanto dolore e sgomento d'impotenza esprimono queste tue parole. Tutti noi rimaniamo affranti e con l'amaro della colpevolezza davanti allo strazio di tante genti come noi. I nodi di una politica economica vorace stanno tornando al pettine, ma a pagare sono sempre gli stessi. Se questa è giustizia... parafrasando Levi. Ciao amico
  • Marysol il 21/04/2015 17:01
    O voi tempestose acque... appassionato preghi il mare (d'indifferenza?) d'aver pietà...
    T'ascoltasse Dio...
  • Rocco Michele LETTINI il 21/04/2015 16:05
    Toccante realtà in sentiti versi...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0