PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La quarta Maga

Nel paese arrivarono
I Re Magi
Chi ha detto che fossero tre?
Cercavano la Regina dei Sonni
Non ci si può mettere in viaggio
Adorare un Dio
Senza che ci sia una donna di scienza...

E lei li accolse benevola
Aveva già pronto
Il suo dono
Da portare con cura

L'azzurro della notte

Di cui sono fatte le ombre d'amore.

 

2
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 25/04/2015 13:45
    Bé, io scrissi già una poesia sul quarto re Magio, e quest'ultimo proprio non trovando la tua regina smarrì la via. Molto piaciuta.
  • Rocco Michele LETTINI il 25/04/2015 12:44
    Straordinaria nell'originalità e nella adorabile considerazione... Versi unici... LIETA GIORNATA
  • Vincenzo Capitanucci il 25/04/2015 09:55
    sì la quarta Maga.. quella dimenticata da tutti.. perché troppo bella.. troppo saggia.. troppo donna.. dovessi darle un nome do oggi.. la chiamerei Joumana Haddad.. Buona Liberazione Roberto.. la liberazione non è mai finta.

2 commenti:

  • roberto caterina il 25/04/2015 10:26
    Giusto suggerimento, accolto...
  • Vincenzo Capitanucci il 25/04/2015 09:58
    staccherei.. lascerei uno spazio.. per mettere più in evidenza l'azzurro della notte..

    ...

    Aveva già pronto
    Il suo dono
    Da portare con cura

    L'azzurro della notte

    Di cui sono fatte le ombre d'amore.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0