PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Al Vate, mio Maestro

O Maestro,
che mi insegni a far la mia vita
come si fa un'opera d'arte,
taci, solo un momento,
ed ascolta il mio canto
vago e negletto alquanto.
Mi tuffo con slancio fra le tue
fresche parole ed avverto
sulla pelle, la stessa ebbrezza
scaturita dall'argentea pioggia
all'ora panica.
O Maestro,
che mi insegni il culto della Bellezza,
il disprezzo dei pregiudizi, il gusto
dell'Arte e l'avidità del Piacere;
come faccio ad esperire calpestando
sensi di colpa ed atroci rimorsi?
Aiutami, poiché dal tempo in cui
esalasti il tuo ultimo sagace respiro,
l'aria si è ancor più intorpidita,
mutando dalla decadenza alla
rovina; ed io, volenterosa allieva
della tua nobile e divina dottrina,
mi ritrovo confusa e disorientata
fra mille falsi profeti.
Tu, Maestro,
che costruisti sulle sterminate
spiagge dell'Amor carnale infiniti
castelli di godimenti ed illusioni.
Tu che scorrer facesti nelle tue vene
un irresistibile vino rosso convertendo
qualsivoglia donna in lussurioso vampiro.
Tu che facesti dell'erotico gioco dei sensi
il tuo pane quotidiano, strappandone
a morsi selvaggi l'essenza segreta;
svelami l'antico mistero che si cela
dietro tanta passione all'improvviso,
poiché le soglie dell'umana ragione
crollano di fronte a simili dilemmi.
Tu, Maestro
che fosti prescelto da madre Natura
come messaggero delle sue maraviglie
annunciandone al vano volgo e zotico
i ritmi intensi e le briose tinte.
Tu che rinnovasti le più futili banalità
col fiorire del tuo verbo elegante
fino a far germogliare la terra riarsa.
Tu che imprimesti nei versi l'armonia
che giova agli angeli dell'Empireo
per cullare i nove cieli del Paradiso,
discendi con le ali e la corona aurea
per svegliare la mia turpe coscienza.
che si macchia or del peccato corporeo
or di quello metafisico.
O Maestro, Esteta e poi Super-uomo,
omaggio la tua formidabile grandezza
dedicandoti un umile ma sincero poema.
Tu, se puoi, guida le mie mosse maldestre
verso la libertà, verso nuove creazioni,
affinché affermi la volontà sul dovere
e non compia peccati contro la vita.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 23/11/2016 04:41
    pprezzata... complimenti.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0