accedi   |   crea nuovo account

Il Perché dei Perché

Dove l'hai colto
perché mi regali questo fiore non stava forse meglio in quel prato

perché mi sorridi

perché il cielo è azzurro ed il mare salato se pioggia e fiumi sono d'acqua dolce

perché le foglie cadono solo d'autunno mentre gli uomini muoiono anche nel pieno della loro estate

perché
non dai risposte dirette a tutti i miei perché ed evadi in imbarazzi di ogni sorta

io non posso vivere senza capire

dimmi
perché le stelle stanno in cielo senza cadere e perché le ciliegie sono rosse se i loro fiori sono bianchi o tinti di un leggero rosa

Non seppi cosa risponderle il mio nome è Caos e partorisco stelle di benessere e rose soltanto quando la mia struttura mentale cede nel non trovare risposta ad un impossibile perché

poi mi venne in mente anche a me un perché

perché una Donna dice una frase o chiede un perché quando ha nell'anima tutt'altra cosa

in quel momento vidi per la prima volta il colore profondo dei suoi occhi e tutto il mio universo si illuminò d'amore

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 30/04/2015 07:51
    I perché servono a farci ragionare e dar poi a tutti una logica risposta. Molto bella.
  • Rocco Michele LETTINI il 30/04/2015 06:10
    Che sarebbe un mondo senza perché? Forse lo vedrei più retto... Lieta giornata.

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 01/05/2015 17:27
    La chiusa è qualcosa di eccezionale. I vari perchè metterebbero in difficoltà chiunque ma la poesia mi piace tantissimo.
    Il perchè dei perchè è il caos, presente in ognuno di noi e nella nostra vita e natura.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0