username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La morte dell'Arte e degli Ideali

Anche se sei un buon dio
è
difficile perdonarti un susseguirsi di azioni premeditate

chi dirige
dovrebbe vivere sulla sua pelle l'angusto subire provocato senza aver bisogno di mille avvocati per scagionarlo

per cupi cieli ed interessi unilaterali
per prevaricazioni e mancanze di solidarietà estese fino a spingere interi popoli sulla soglia della povertà

il pianeta terra ed il mondo del lavoro in particolare sembrano tornati a essere una miniera senza sole dal filone d'oro esaurito

le pale del Mantegna le falci le croci ed i martelli non hanno più voce in capitolo

è
tornato il feudale tempo dei famelici lupi dei signorotti dei farmacisti assoldati alla corte di un unico assoluto re di denari

un uomo sano sale
e non scende nel buio della cantina per costruirsi con le proprie mani una ghigliottina

ma per inebriarsi e portar su il vino per tutti gli altri

 

1
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 01/05/2015 18:04
    Caro Vincenzo, se leggi di continuo il tuo componimento puoi capire - nonostante i due "è" ad effetto, che potrebbe essere un bellissimo
    brano di prosa circostanziato in un romanzo, o in dissertazioni filosofiche. Non in poesia.
  • Rocco Michele LETTINI il 01/05/2015 13:49
    Messaggistica dal tuo animo in elogiabili versi... Primo Maggio di letizia a tutti/e...

3 commenti:

  • Antonio Tanelli il 01/05/2015 13:16
    Buon primo maggio a te Vincenzo e grazie per avere messo in versi quelli che sono anche i miei pensieri... ah ho visto che hai volutamente scritto "dio"in piccolo. a rileggerti saluti
  • Chira il 01/05/2015 10:18
    ... un lungo momento di disorientamento totale per me... da una parte i ricchi che diventano sempre più ricchi e dall'altra si muore letteralmente di fame e di sete... e di mare... Anche il tuo dedicare questi versi alla ricorrenza del primo maggio è un dono d'amore e anche il mughetto con la sua storia.
    Grazie sempre Vincenzo e buon primo maggio anche a te!
    Chiara
  • Vincenzo Capitanucci il 01/05/2015 08:29
    Buon primo maggio... a ognuno di Voi offro un rametto di mughetto fiorito... in Francia viene dato come un portafortuna forse a causa dei suoi bianchi campanellini di risveglio.. la leggenda ci racconta essere state gocce di sangue di un santo nella lotta contro il male...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0