accedi   |   crea nuovo account

Il velo inamidato

... L'uxorio brontolamento che lo affliggeva.

Ci si arrenda
non ci si sorprenda
più di tanto. Si prenda atto.
(Così va fatto).
La fisima alla fine ce la fa
e sovrasta il campo.
Il problema nasce
e poi cresce -
prende piede -
non concede tregue.
Ed ecco che la voce
sale gli scalini in cerca d'ira -
in cerca di respiri affaticati -
di stanchezze e lamentele
e infine poi sospira
non ne posso più.
Quindi cade
come un velo inamidato -
t'invade il petto -
(non c'è più rispetto)
ti pervade con tremore
sulla nuca e tutt'intorno
e anche un poco in fondo al cuore:
vado a passeggiare - quando scade torno.
Ci si arrenda: l'amore ai tempi dell'età
ha queste vie - ma non se ne va.

 

l'autore Walter Tresoldi ha riportato queste note sull'opera

(La citazione in esergo è tratta da GLI ABITI E I CORPI
di Giovanni Giudici - In Il male dei creditori - 1977)


0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0