PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fiori azzurri

Pazzesco!
E con questo intendo reclamare una parte -
anche poca piccola o insignificante -
della rotta verso il limitare del ruscello
che dirotta la tua rabbia verso il niente.

Osservo le rotaie sotto il sole.
Osservo le rotaie e sto viaggiando - noleggiando
mete - recapiti - assolute reticenze - colpe.
Quando - accanto alla stazione - fioriscono
fiori azzurri a scalare i muri verso la città -
non ho più problemi - ho soltanto
due possibilità: vado a rifornire gli eremiti
miei pensieri o ritorno a fantasticare tonto.

Pazzesca!
Intendo la complessità della questione
che qua - in stazione - prolifica risposte
antipatiche e tardive a domande non espresse
o a domande - che espresse male - implementano
soltanto il nervosismo che s'invischia sotto pelle.
La valigia sarà vuota e al destino la riconsegnerai
senza badare a quelle piccole menzogne
che t'invitano a pensarla piena di romantiche visioni.

I fiori azzurri c'erano - ora non li vedo. Solo verde
pesa sugli steli fatti ramo rampicante - fatti remi
di una barca nauseata persa al largo in un mare
d'imbecilli flutti e di carezze non concesse al navigante.

 

l'autore Walter Tresoldi ha riportato queste note sull'opera

Questi fiori che vanno verso la città si trovano alla stazione di Genova Brignole.
In quanto azzurri, lo spero: sono daltonico.


1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 04/05/2015 09:12
    Molto bella Walter.. piaciuta.. Pazzesco.. Pazzesca.. ed uscite in esca. torno a fantasticare come un tonto.. a cui il mare non concede neanche un tonfo.. figuriamoci la carezza di un trionfo..

3 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 04/05/2015 17:59
    grazie a Te... Walter... concepisco la poesia solo come dono.. perfettamente in sintonia con questo pensiero.
  • Walter Tresoldi il 04/05/2015 17:46
    Io concepisco la poesia solo come dono, che fa diventare poeta o più poeta anche il lettore. Sei un fiume in piena: complimenti per la produttività e grazie.
  • Vincenzo Capitanucci il 04/05/2015 17:27
    La condivido su Fb.. mi piace troppo Walter.. da un 'ora mi chiedevo dove avevo letto oggi di fiori blu.. .. se questo Ti dovesse disturbare mi avvisi e la tolgo subito..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0