accedi   |   crea nuovo account

Mio padre

Se t'incontrassi in sogno o di persona
io non saprei risolvermi tra pianto
e sorriso per l'immensa gioia.
Tu invece carezzeresti il mio viso
dolcemente per asciugarne il pianto.
Se t'incontrassi un giorno o padre amato
lascerei qui le cose mie terrene
e ti seguirei dov'è anche la mamma
per riabbracciarci e di nuovo far festa.

 

5
8 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • salvatore maurici il 20/05/2015 12:07
    Poesia del ricordo e del rimpianto, poesia dell'amore. Antonio nella poesia dedicata al padre usa le corde più toccanti dell'amore tra padre e figlio: "carezzeresti il mio viso
    dolcemente", sottolinea come quelle carezze non possono mai mancare, ma quando succede, allora la poesia viene in soccorso. Molto bella.
  • Nicola Lo Conte il 11/05/2015 21:31
    C'è tempo per ogni cosa... né si muore davvero, se non nel fragile e temporaneo veicolo fisico. Chi ami è dentro di te, né mai il tempo vincerà sul cuore.

8 commenti:

  • Antonio d'Abbieri il 04/06/2015 13:39
    Vorrei segnalare il primo verso perché contiene una piccola perla a me molto cara. Alla possibilità d'incontrare mio padre in sogno si affianca un'auspicata alternativa: il miracolo d'incontrarlo di persona. La resurrezione come possibilità che il cuore, più che la mente, non esclude a priori, anzi auspica.
  • Chira il 26/05/2015 16:46
    Davvero potesse accadere anche a me... se penso che mio padre è da qualche parte ad aspettarmi la morte mi spaventa meno. Versi amorosi da un figlio sicuramente molto amato.
    Chiara
  • antonina il 16/05/2015 19:09
    Una poesia toccante, come sarebbe bello poter riabbracciare i nostri cari!
  • Antonio d'Abbieri il 13/05/2015 16:32
    Ringrazio tutti voi amici per le belle parole. Grazie Giuseppe per la segnalazione ma, come ci insegni, l'errore è sempre con noi.
    Grazie a tutti.
  • Giuseppe ABBAMONTE il 13/05/2015 15:40
    Padre e madre, i genitori. Spesso li si apprezza e se ne sente il bisogno quando non ci sono più. Allora sì che ci mancano. Ed Antonio ha ben descritto le sensazioni che ciascuno di noi pensa proverebbe se gli fosse consentito di poter incontrare nuovamente uno di loro.
    Piccola nota (da pignolo): su "qui" non ci vuole l'accento. Ma ciò nulla toglie alla bellezza della composizione.
  • Gianni Spadavecchia il 10/05/2015 13:14
    E far festa, quella festa incorniciata d'amore. Bellissime parole, malinconia e mancanza mischiate nell'animo puro.
    I miei complimenti.
  • Stanislao Mounlisky il 08/05/2015 12:59
    Un padre dolce che ti ha insegnato la dolcezza...
    Complimenti. Ciao
  • Vincenzo Capitanucci il 08/05/2015 11:21
    Molto bella Antonio.. tocca il cuore..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0