PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vorrei vivere in un mondo colorato

Il mio occhio ciclòpico
si sta spegnendo

Avrei voluto usarlo per vedere la bellezza del mondo
con le sue stranezze e paradossi

Non avrei mai voluto vederlo
ingoiare il dolore

Il mio occhio ciclòpico
è troppo grande
vede oltre
si appanna di lacrime
si chiude spesso impaurito

In questo mondo di poco colore
dovremmo avere tutti un CUORE ciclòpico

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 08/05/2015 09:31
    MERAVIGLIOSAMENTE DAL TUO CUORE: C__I__C__L__O__P__I__C__O

4 commenti:

  • Patrizia Cremona il 08/05/2015 21:58
    molto delicata...
  • roberto caterina il 08/05/2015 13:27
    Mi sembra un giusto suggerimento... Ben tornata Karen!
  • Antonio d'Abbieri il 08/05/2015 11:12
    Bella ma pessimista la tua poesia. Il tuo grande occhio s'appanna di lacrime per quel dono che si chiama Sensibilità. Guarda bene però.. tra tanto dolore, tanto grigio.. c'è tanta bellezza e gioia annidata nelle piccole cose. È li che devi puntare il tuo grande occhio e poi tornare qui a riferire e condividere.
    Grazie per la bella poesia.
  • Vincenzo Capitanucci il 08/05/2015 09:35
    quasi come se fossimo giunti alla fine di un ciclo epico.. il nostro occhio divino si chiude.. e non vediamo più oltre.. accecati dal nessuno.. che abita in noi.. Splendida.. Karen. il cu-or-e --è un Ra-me che diventa Oro.. per farcelo notare l'hai scritto in un maiuscolo ciclopico..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0