PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Prendimi in Parola Scrivi... tanto

Scrivi
quel che vuoi

prendi la prima parola che attraversa la piazza della tua mente

tanto
nel suo nascere in tutti i casi

si troverà sperduta solinga ed impaurita come te

al centro vedrà soltanto una fontana secca

che anche gli uccellini del cielo
hanno disertato

si chiederà
come ho fatto a finire in questo luogo folle e tetro

ora come faccio ad uscirne

Da un vicolo stretto e buio
chiamato nel gioco del monopoli e dei monopoli del mondo

vicolo corto

essendo situato ad un passo dal via e essendo reso di non grande attrattiva per incoraggiarti al viaggio di orizzonti e spazi più larghi e luminosamente più l'ampi

sbucherà una mano sinistra con due dadi rossi e dirà alla tua parola gioca ma non dimenticare di pagare le tasse ad ogni passo che fai

avrai poche opportunità di vincere e incontrerai molti imprevisti troverai sul tuo cammino compagnie elettriche galvanizzanti ed altre molto acquose stagnanti

attraverserai le quattro stazioni dell'essere le sue quattro croci le sue quattro stagioni
da dove partono treni di pensieri e binari di emozioni

sarai musica con Verdi pittura con Raffaello poesia con Dante

con Polo Magellano e Colombo scoprirai terre esotiche e nuovi continenti

passerai in rassegna tutte le epoche della storia di imperi e regni con Costantino Traiano e Cesare e capirai quanto era caduco di uomini fin da allora voler conquistare tutto il mondo

12

0
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 10/05/2015 14:44
    Una storia in breve dal Verbo ai nostri giorni in una poesia bellissima.
  • Antonio d'Abbieri il 09/05/2015 11:34
    In origine era il caos... Poi una solitaria parola appare... il girar inutile... La storia del mondo... E infine, la luce. Quante opere sublimi sono nate così. Hai ben rappresentato il processo mentale di un poeta, di un artista, scrittore pittore o musicista che sia. Buona giornata... mentre giá una nuova parola sta affiorando...
  • Rocco Michele LETTINI il 09/05/2015 10:06
    Sarai la luce divina che illuminerà un paradiso yd'amore. Esci e firmi i tuoi più dolci sentimenti.

1 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 11/05/2015 21:24
    "quando infine entrerai nei giardini dell'eden nei campi elisi del sole ti accorgerai che tutti i soldi che hai accumulato in falsità nel percorso della tua vita non saranno in grado di pagare la camera nuziale del Parco della Vittoria"...è preferibile essere noi stessi, qualunque cosa accada.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0