accedi   |   crea nuovo account

Il barbone e il bambino

Si scorge la sera che viene avanti
con i doni che gli anziani temono
umido e freddo i disagi son tanti
per la strada i poveri già tremano.

Tra cartoni e vecchie nere coperte
studiano la posizione migliore
per passare notti meno sofferte
cercando anche il più piccolo tepore.

La mano di un bimbo s'infila lesta
nella tasca del nuovo cappottino
vi cerca la merendina che resta
mentre il povero ringrazia il destino.

Gli sorride il vecchio e sporco barbone
mentre si avvolge nel grande cartone
La fredda notte sarà meno dura
per la gioia che il regalo procura.

 

5
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giuseppe ABBAMONTE il 16/05/2015 09:18
    È un quadretto, assai ben riuscito, dipinto con pennellate secche, precise, essenziali. La pietà verso il barbone, la tenerezza ispirata dall'atto di generosità del bambino. E poi il freddo e l'umidità della sera. Il tutto descritto in pochi preziosi versi.
    Un'annotazione: l'autore usa il termine "dono" ad intendere i disagi che porta la sera per strada e "regalo" a descrivere la merendina portagli dal bimbo. È come dire: ognuno dà quello che può, ed anche il disagio che necessariamente la sera invernale porta con sé è comunque un regalo. Temuto, ma comunque un regalo.
  • Rocco Michele LETTINI il 09/05/2015 15:08
    Quartine im rime alternate dal senso profondo e toccante. Note dalla strada sporcata dall'indifferenza quotidiano.

5 commenti:

  • Nicola Lo Conte il 11/05/2015 20:56
    Bella e delicata... alle volte basta un piccolo gesto...
  • Stanislao Mounlisky il 11/05/2015 05:42
    Quando uscivo con mia nonna, mi dava sempre qualche soldino, ricordandomi sempre che qualcuno era per le mie caramelle, qualcuno per i poveri che avessimo incontrato. L'attenzione e la sensibilità non sono innate ma sono suggerite dall'esempio e rinforzate dall'educazione.
    Bella la tua poesia, sulla felicità di donare e ricevere, ma anche fortemente sociale.
    Ciao! Stanislao
  • Gianni Spadavecchia il 10/05/2015 13:16
    Le rime danno più musicalità alla poesia, si parla di un altruismo assoluto. La bontà di un bambino.
    Grazie per il commento.
  • Ellebi il 09/05/2015 21:26
    Un a poesia per intenerire l'animo, e riuscita, complimenti e saluti.
  • Vincenzo Capitanucci il 09/05/2015 16:18
    Molto bella Antonio.. la mano di un bimbo.. ed il barbone ringrazia il destino.. per la gioia che un gesto d'amore.. procura..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0