username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sempre più Sola

Sono Mamma
Figlia e Sposa

ogni anno il tempo
mi lascia sempre più sola

stasera
anche senza musica
anche se non vi sono candeline accese per intenerirci a festa

anche se ho la schiena a pezzi le mani in confusione e le spalle divelte

anche se le cicogne del mio orto sono diventate cavolaie e non trovano più speranze e nascite di lavoro

anche senza un vero motivo
stasera

invitami a ballare

fin da bambina
ho avuto un ago e un filo colorato in mano

sono una sarta

la sarta degli altri

per poco meno di un sorriso
rammendo i calzini
dei passanti

ma
nel filo spezzato dei miei giorni

da sola

non ho mai saputo ricucire me stessa

 

2
3 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Marysol il 13/05/2015 22:36
    Bellissima Vincenzo, torno a dirti che mi evoca l'immagine cara di una donna ( e sono tante! )che ha dato incondizionatamente tutta la vita intorno a sé, e non è riuscita a serbare quasi nulla per sé stessa...
  • Stanislao Mounlisky il 11/05/2015 06:06
    Il Poeta, creando immagini inconsuete, sa suscitare grandi emozioni in questa poesia non scontata per una Festa spesso banalizzata dalla commercializzazione.
  • Verbena il 10/05/2015 19:12
    Molto graziosa, con versi sapienti e teneri. Bravo Vincenzo.
  • Antonio d'Abbieri il 10/05/2015 12:49
    Oggi volete proprio tormentar la mia sensibilità, l'ho capito.
    Bellissima questa immagine di donna, madre e lavoratrice.. anziana e consumata.. chiede solo un po' di felicità .. un ballo per ripagarla in parte.. tanto ha dato agli altri trascurando se stessa e ora è sola.
    Grazie per questa commovente immagine.
    Buona domenica
  • antonina il 10/05/2015 10:07
    bellissima Vincenzo! tutte le mamme del mondo te ne saranno grate, oggi per la loro festa... mamme che non chiedono, danno a profusione.. mamme che vorrebbero comunque un po' d'amore. Antonina.
  • Rocco Michele LETTINI il 10/05/2015 09:52
    Hai voluto lasciare il tuo augurio a tutte le mamme del mondo... con versi fantastici... ai quali mi associo... LIETA DOMENICA
  • Don Pompeo Mongiello il 10/05/2015 07:48
    Un plauso sincero per questa tua sublime.

3 commenti:

  • Ellebi il 10/05/2015 12:44
    Uno poesia teneressima per la madre, per tutte le madri, ma di più per quelle che il vangelo dice "poveri di spirito" che vanno al di là del proprio dovere, umilmente, da pochi riconosciute, e che questa poesia ricorda e celebra. Complimenti e saluti
  • Sabrina C. P. il 10/05/2015 09:07
    Concordo con Chira e Don Mongiello...
  • Chira il 10/05/2015 07:42
    Solo un UOMO come te, con la tua specialissima sensibilità, riesce ad andare fino in fondo all'anima. Per tutte quele donne che sono sempre le mamme di qualcuno, non solo dei propri figli... spesso anche dei mariti... e sole... Grazie e un caro saluto!
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0