accedi   |   crea nuovo account

In nome del Signore

Andava lo mongi
per valli e monti
a cercar la questua,
tutto accettava,
anche gli insulti,
pur di portar
a lo su' convento
quel tanto da sfamare
le centinaia di bocche
de li fij de la Provvidenza,
tenendosi per sé
solo li insulti,
e così un dì,
a lo sbadigliar
de lo sole che s'aizava,
ne lo irto Cielo
per sempre volò.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 11/05/2015 18:54
    Me pare il Monaco descritto dal Manzoni nei Promessi Sposi... Piacevolmente scorsa...
  • Vincenzo Capitanucci il 11/05/2015 18:28
    questo monachello mi piace molto Don.. ma in nome del Signore ho visto fare troppi scempi..

1 commenti:

  • Ellebi il 11/05/2015 23:34
    Ottima Don, ma quel che se ne deduce, è che hai descritto, così amorevolmente, un fraticello d'altri tempi, forse del Medioevo, giacchè se ci sono ancora questo genere di fraticelli, beh.. non hanno più centinaia di bocche da sfamare, sono infatti rimasti pochini. Un saluto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0