accedi   |   crea nuovo account

Una storia come tante

Rumore metallico
nella stiva del barcone
stipato d'occhi scuri
come la profondità del mare
che inghiotte i loro sogni.

Poche miglia li separa dalla costa
ma nella pece della notte
senza nessuno che li soccorra
la morte li prende.

Vuote parole di pietà
riempiono le prime pagine
ormai clichè lo scaricabarile di chi conta.

Solo un cimitero sott'acqua
dove i senza storia
dove i senza nome
smettono d'essere uomini.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 13/05/2015 09:26
    Un profondo e... toccante verseggio. Considerazione eccelsa: la quartina di chiusa. LIETA GIORNATA

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 10/06/2015 21:47
    Verissimo, le cosiddette "vite anonime", meno importanti.
    Ottimo ciò che ho letto, ciò che qualcuno ha deciso di scrivere.
    I miei complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0