username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ti augurerei

Ti augurerei di vivere
fino a cent'anni
se solo volessi rassegnarti
se solo ti rendessi conto
che i limiti non si possono
superare accettando
di buon grado i malanni
di una vecchiaia appesantita
quasi tramontata
ma che forse non sai
per quella lucidità che va e viene
nel tuo sistema linfatico esplosivo
probabilmente un pochino da sempre
che dopo è peggiorato, inventandoti
scuse, per essere considerato
a volte fin troppo
anche quando conveniva
soprassedere, e guardarti
senza troppa ingenuità

 

2
6 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 17/05/2015 07:02
    Chi poi può dire se un pensiero è poco o molto poetico se si esprime in una forma a metro libero? Quello che si può dire è se piaccia o meno, ma anche in questo caso esternare un giudizio non chiesto (perché non si tratta di un concorso o di un'audizione o di un gruppo ristretto, un laboratorio poetico- spesso si confondono i siti di poesie con queste realtà dubito possa servire a molto e comunque andrebbe fatto con intenti costruttivi. Ognuno ha libertà di scrivere ciò che vuole purché non offenda gli altri e ciò che dice non sia socialmente o moralmente riprovevole. Starei molto attento a dire - questa è poesia, questa non lo è... spesso fare questa distinzione è poco poetico...
  • Rocco Michele LETTINI il 15/05/2015 19:38
    Un lungo percorso d'assieme affettivo sequelato con bontà d'animo... Il mio augurio di una serenità perenne... Lieto fine settimana.
  • Anonimo il 15/05/2015 19:07
    Maria Angela, mi piacciono queste tue considerazioni destinate all'uomo che ti ha accompagnato tutta la vita. E non sono poco poetiche è solo uno sguardo alla vita trascorsa assieme al tuocompagno che, pian piano, è invecchiato accanto a te, trasformandosi da un bel cigno, ad un brutto anatroccolo. Quanti potrebbero raccontare storie, belle storie simili?
  • Anonimo il 15/05/2015 14:58
    Ma a chi la dici sta cosa pure poco poetica?... boh?... scarsina forte, eh!

6 commenti:

  • vincent corbo il 17/05/2015 06:20
    Che il destinatario di questi versi sia un politico anziano che ancora non vuol rassegnarsi perché, in effetti, crede di avere ancora trent'anni?
  • maria angela carosia il 16/05/2015 13:25
    Cio non ha importanza... non ti sembra? Vuoi proprio aggrapparti agli specchi, eh? Comunque buon fine settimana
  • Anonimo il 16/05/2015 12:36
    Vedi angela che ti hanno pure frainteso?... avevo ragione io, ho sempre ragione, lo so... non si capisce a chi è diretta la poesia...
  • Stanislao Mounlisky il 16/05/2015 07:47
    La sofferenza è palpabile, in questi versi: la sofferenza di chi si ritrova vecchio e malato con un carattere poco propenso ad accettare questo come evento della vita; e la tua sofferenza, Maria Angela, di fronte all'inevitabilità di una situazione che ti vede impotente.
  • maria angela carosia il 15/05/2015 19:40
    Grazie tante Nino, non è il mio compagno, lui è ancora giovane. Buona serata
  • maria angela carosia il 15/05/2015 16:18
    A me piace anche, e spesso, essere poco poetica, con testi riflessivi, che tanti capiscono... Ps: in questo sito ho notato, che è molto più faticoso, rispetto ad altri siti, vedere il proprio scritto pubblicato, quindi capisco, cosa si prova, quando un'opera viene respinta o accettata... Comunque... grazie lo stesso per il passaggio, buona serata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0