PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Anche i cani hanno l'angioletto

Cammini a coda bassa lungo un muro,
hai tanta fame ed è vuota la ciotola;
un odorino senti da una botola,
vorresti un osso o un po' di pane duro
è invece una cucina.

Ben appiattito scendi dalla china,
vai a scoprire il cibo che profuma
e subito sul tavolo che fuma
bene arrostita vedi la gallina
dorata ed invitante.

Nessuno attorno vede ed è importante
saltar veloce, fare molto in fretta
ad azzannar la cosa per l'aletta
di cui ghiotta hai la gola.

Ma intanto entra la cuoca arcigna e sola,
sul tuo musetto sferra un colpo secco
al tuo boccone hai dato neanche un lecco,
guaendo scappi via e prendi una braciola
nascosta sotto il letto.

Anche i cani custode han l'angioletto
che li protegge e aiuta con amore;
lo conosci e lo tieni nel tuo cuore
quando l'uomo ti fa qualche dispetto,
infame, ingrato e impuro!

 

3
3 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 16/05/2015 12:42
    Dovuto è un serto floreale maggiolino per questa tua sublime.
  • Vincenzo Capitanucci il 16/05/2015 06:55
    sotto il tetto di uomini e cani c'è sempre un abbraccio ed una braciola.. ma non sempre si sa di questo angioletto e non sempre si trova..
  • Rocco Michele LETTINI il 16/05/2015 02:20
    Considerazioni lasciate in piacenti versi... dalla chiusa che lo valorizza premiandolo con attenzioni divinatorie... Non sarà una metaforizzazione il cane... dello sfortunato ed infelice essere umano perseguitato quotidianamente dal suo stesso simile?
    ELOGIABILE VERSEGGIO. SERENO WEEKEND VER...
  • roberto caterina il 15/05/2015 22:37
    Delizioso quadretto che si dipana in gradevolissimi versi...

3 commenti:

  • Alfredo Di Cola il 17/05/2015 18:32
    bellissima poesia rimata che è una lode ai nostri amici più fedeli e più teneri.
  • antonina il 16/05/2015 08:13
    simpatica e deliziosa poesia! brava!
  • Stanislao Mounlisky il 16/05/2015 08:03
    La scelta di alcuni vocaboli evidenziano la tua viva empatia nei confronti del protagonista (odorino, assai invitante, musetto...): l'hai reso simpatico anche al lettore che, inevitabilmente, parteggerà per lui.
    Mi ha fatto venire in mente "Lilly e il Vagabondo"! Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0