PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Dalla peste nera dei nostri occhi a sorella luna e fratello sole

Da noi vivono nelle fogne insieme a molti dei nostri pensieri
in una città dell'India i topi hanno un tempio tutto per loro

passato il primo ribrezzo
è bello vederli vivere
correre gioiosi tra i piedi delle persone
e
mangiare insieme agli uomini

vederli lì in 20'000
mi ha fatto pensare che l'uomo viva ventimila leghe sotto i mari rinchiuso nella sua piccola scatola di sardine odiando e pigiando come uve da mosto pure i suoi simili

senza capire che se non vedremo Dio ovunque non lo incontreremo da nessuna parte

e
continueremo a vivere di veleni e di cali amari giganti

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 18/05/2015 10:46
    UNA CHIUSA STRAORDINARIA CHE TESTIMONIA QUANTO DECANTATO CON MAESTRIA... I TOPI? UN'ARMATA CHE METTE PAURA! MALATTIE... VELENI... ADDIO AL TERRENO VIVERE...
  • roberto caterina il 18/05/2015 10:05
    Il tempio dei topi in India, lo ricordo con perturbante curiosità... Forse sì è un invito a vedere Dio e, soprattutto, a non vederlo troppo...

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0