accedi   |   crea nuovo account

Illusione

Nel girar nel tempo il mondo un poco
i cattivi miei pensieri e le delusioni
tante pensavo d'aver per sempre poi
in diversi luoghi e lontani abbandonati:
un dì al vento provenzale i più leggeri,
poi i più neri nelle sabbie infuocate
di un deserto, quelli più antichi ancor
in acque oceaniche e profonde, infin
i più recenti messi ai piè d'una piramide,
ma un giorno il campanello forte forte
è risuonato e diceva alta una voce nota
vieni quattro pacchi ci son qui da ritirare

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 19/05/2015 13:19
    Ineccepibile nel suo libero verseggiar. Bravissimo!
  • Vincenzo Capitanucci il 18/05/2015 15:19
    i più leggeri... i più neri... i più antichi.. ed i più recenti... Quattro pacchi da ritirare.. uno dall'anima.. e gli altre tre da mente cuore e corpo.. bellissima Giuseppe.. alla fine ogni pensiero per l'ente è un pacco...

1 commenti:

  • Rocco Michele LETTINI il 18/05/2015 15:12
    Illusioni per un vivere che non muta. Sentito et acuto verseggio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0