username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Charun

Du' piotte ormai scurite
gelosamente ancor serbo,
'finché a lo scoccar
de la fatal ora
li miei occhi spenti coprano;
trovannomi po' così
pre' le 'quietanti acque
de lo nero Acheronte
a 'spettar Charun,
pe' esse a 'tra riva traghettato
e vider l'Ade 'dormentata.

 

l'autore Don Pompeo Mongiello ha riportato queste note sull'opera

Due piotte corrispondono a due vecchie monete da cento lire. Charun è il corrispettivo etrusco di Caronte.


1
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 22/05/2015 05:54
    l 'unica moneta che ci permetterà di attraversare il fiume di Caronte.. senza perdere la memoria.. caro Don e Caro Onte.. è la coscienza dell'Adesso .. e sarà per tutto l'Ade un risveglio luminoso..
  • Rocco Michele LETTINI il 21/05/2015 13:16
    Una firma... per l'alta qualità de l'intelletto... lascia a caratteri (o meglio a versi) aurei... Lieta giornata Don...
  • Sabrina C. P. il 21/05/2015 12:57
    I testi del Don.. sono tutti di qualità

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0