PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Incubo

N'angiolo me s'avvicina, me sorride e vola via,
vano lo cerco io, ne lo cielo nero e senza stelle,
mentre ne la mia fantasia volano sol puelle,
eppur una di loro è la mia anima pia;

che non s'accasa nemmen per caso a Pavia,
ma per lo detto sfacciato de quelle,
s'è reincarnata in quella pelle
de na mona sensuale e così sia;

e così in quella famosa Certosa,
sghignazzano esse, gli animi turbando,
ma l'angiolo in aiuto a me vene;

lo demone multiforme co' le corna tene,
ed io tranquillo al fin vo cantando
e nemmeno la mona sensuale più non osa.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 22/05/2015 06:40
    uno sparo e via.. certo sa.. e così sia.. bella Don.. ed io tranquillo al fin vo cantando.. quando tornate a casa la sera accarezzate la testa dei vostri bambini.. Non abbiate Paura.. un Angiolo veglia su di Voi..
  • Rocco Michele LETTINI il 22/05/2015 06:31
    Meraviglie... dal tuo genere. LODEVOLE SEMPRE...

1 commenti:

  • Anna G. Mormina il 22/05/2015 09:32
    ... il nostro Angelo Custode ci è sempre vicino... a volte ci sembra di non vederlo ma Lui è sempre attento che non ci capiti nulla...
    Molto bella, complimenti!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0