PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ahi

Ahi, mè fatt' male...
Nunn' 'ò ssaje,
Nennè, ca cu core, e cu
Ammore, nun se pazzea?, pecchè me
Lasse sulo sulo, mmiez' a via?
Ie, e tu; chest' ll'issa sapè,
So scimunut' appriess' a ttè,
Allora? C'aggia fa?
Che t'aggia dicere cchiù?
He vist', o nò, chell'ca succede
E ogni bbota tu, pare ca...
De me nun te n'import',
E allora? Aggia penzà ca
Vaje ggià 'nziem' a n'ato?
Overo? Embè, si è overo
Fatte curaggio e dimmello
Accussì, je, a fernesco e
Ridere e pazzià pe ttè
E ddint' o Spitale,
Me vaco a ccurà !
Anche se, 'o duttore m'ha ditto
Fai, tutte le cure che bbuò
Amico mio, ma...
Il male ca tien' dint' o core,
Pare proprio ca
Rimedio nun cè stà,
E allora, o te ne vaje a Lurdess,
Si, si, aggio ditto Lurdess, oppure
Te truv' n'ata bella figliola, e...
O male e dinto o core se ne và!!!
Allora sì... tu passe
Dalla tristezza all'alleria
Ie, nun te tengo cchiù comme paziente e
Rido, finalmente, ma nò pe te sfottere
Ma pecchè, ammagare na vota
E curà e ssanà nu paziente,
Ll'arte mia è stata capace...
O no? E mmò, vattenne!

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0