username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ed eccoti qua

Ed eccoti qua
in veste di poeta

forse perché le tempeste della vita Ti hanno martoriato i fianchi fin da quando eri bambina

Anima mia

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

A la nue accablante Tu... Mallarmé ...


1
3 commenti     9 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

9 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Marco Galvagni il 28/05/2015 15:08
    Bellissima perchè in pochi versi taglienti esprime il rapporto del poeta con la propria anima e spiega come dalla sofferenza di tale anima scaturisca il dono della poesia.
  • Don Pompeo Mongiello il 25/05/2015 07:38
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua sublime.
  • silvia leuzzi il 24/05/2015 22:08
    forse perché le tempeste della vita Ti hanno martoriato i fianchi...-
    pochi versi, un pugno nello stomaco e una mano che ci straccia i vestiti e restiamo così nudi e indifesi davanti ai versi, che ci mostrano quel che siamo, impietosi specchi di pensiero. Bella amico
  • Verbena il 24/05/2015 18:13
    Sublime il rapporto del poeta con la propria anima: interlocutore essenziale e privilegiato che tutto di lui conosce e sa. Complimenti Vincenzo!
  • Sabrina C. P. il 24/05/2015 16:39
    bellissima, Vincenzo... un saluto
  • antonina il 24/05/2015 15:55
    La poesia è un semplice-e ad un tempo complesso-trait d'union tra il poeta e l'anima ; Eccoti qua anima mia martoriata nei sentimenti più profondi, attraverso la sofferenza fisica, la voglia di amare e di sognare, la ricerca continua di se stessi.
  • roberto caterina il 24/05/2015 10:10
    Bella, semplice, pertinente il riferimento al sonetto di Mallarmé perché la nudità, come la poesia, non sono che un inizio per disvelare il mistero. Nel nudo, come nella poesia, ci può essere tutto o nulla...
  • Antonio d'Abbieri il 24/05/2015 10:06
    Hai colto bene il dramma dell'artista: la sua arte sará elevata quanto profonda sará stata la sofferenza. Bravo. Un caro saluto, Antonio.
  • Rocco Michele LETTINI il 24/05/2015 09:30
    Hai fotografato la poesia... Nitidezza e splendore la caratterizzano...

3 commenti:

  • maria angela carosia il 24/05/2015 22:09
    Riflessiva e vera. Molto bella, Vincenzo
  • Ugo Mastrogiovanni il 24/05/2015 11:24
    Il poeta si rivolge alla sua anima, poetessa, sia inseparabile amica, ne conosce origini e stile di vita, l'affianca nel percorso quotidiano, la premia con questa breve ma rilevante poesia.
  • roberto caterina il 24/05/2015 10:59
    Ti consiglio di vedere il link di Pierre Boulez https://www. youtube. com/watch? v=EJevBESCSH4

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0