PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

24 maggio 1915

Un tranquillo signore
con decreto reale
fu fatto artigliere
e dovette partire
per il fronte orientale
in difesa di terre
e di onori del re
e della regina di fiori.
Ma un altro fante
anche lui al fronte
per difendere il re
e la regina di picche
gli ruppe il cuore.
Così la guerra finì
come dissero i re
e le regine di tutti i colori
per presa visione
di sangue ed orrori.
Mentivano allora
e mentono ancora
i re e le regine.
Quella guerra fini
come quelle di ora.
Per mancanza di fanti
di fiori e di picche
di quadri e di cuori.

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 24/05/2015 22:00
    Sai che in queste tue rime baciate dai versi corti e veloci si nasconde un rap della memoria di forte impatto. Grazie
  • Rocco Michele LETTINI il 24/05/2015 14:40
    Felicissimo di ricommentarti e plaudir il tuo straordinario historico verseggio.

1 commenti:

  • Ellebi il 27/05/2015 13:49
    Ottimi versi davvero, veloci e taglienti, eh certo, di talento poetico indubbiamente. Un saluto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0