username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Le nostre lettere d'Amore

Che fine faranno le nostre lettere d'amore, ingiallite, custodite,
in quella vecchia valigia di cartone?
Si dimmi, che fine farà, quel fiume d'inchiostro
versato su quei quadratini di cuore,
che tu donavi a me ed io a te senza pudore?
Ne sento ancora l'odore, le sento frusciare tra le mani...
ieri leggere come ali di farfalle,
oggi appesantite dai pensieri e dagli affanni.
Prima che occhi indiscreti dissacrino i nostri segreti
o ridano di noi, della nostra innocente passione,
dei primi rossori giovanili,
dei primi baci rubati sotto gli occhi di mia madre,
sospettosa, nell'attesa di essere tua sposa.
Le leggeremo ancora una volta insieme
prima che venga la nostra sera,
prima che la morte ci sorprenda
nella notte profonda,
prima che i miei occhi si appannino di brina,
prima che venga la mia ultima mattina.

 

0
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Sabrina C. P. il 25/07/2015 12:52
    le lettere d'amore che fanno ridere... proprio perchè sono d'amore... dice Pessoa... Bella!
  • Rocco Michele LETTINI il 25/05/2015 11:12
    Auguri Anna... d'una perenne felicità coniugale. Amorevolmente... lettere d'intenso et immutato affetto... Straordinari versi dal cuore.

2 commenti:

  • Stanislao Mounlisky il 26/05/2015 08:24
    Bei tasselli di un mosaico d'amore costruito in una vita insieme, le nostre lettere d'amore... Le mie le conservo in uno scatolone sul fondo di un armadio. Che fine faranno? Bella domanda a cui non so dare risposta. Perchè siamo noi quelli della carta e della penna, i nostri figli sono quelli degli sms e non so se avranno la voglia e la fantasia di leggerle...
    Bella poesia che rimanda ai bei tempi andati...
  • anna marinelli il 25/05/2015 15:55
    Dai pensieri e dagli affanni... mi scuso per il refuso!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0