username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Fame d'amore

Non sei stanca,
stai pazziando
come il mare
in tempesta,
un urlo in gola
ch'è fame d'amore
nel piatto lustro
e dita con unghie
lunghe di dolore.

Scetate
da sta follia,
sei un corpo
che non s'arrende
e muta i sentimenti
in amore e odio.

Non sei stanca,
come il vento t'agiti
e attraversi le fessure
di quella barca muta
che non prende il mare.

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • antonina il 29/05/2015 08:51
    Urli e chiedi amore, da questa barca che non prende il mare, eppure la speranza è sempre viva; questo amore arriverà perché quelle fessure, ora spiragli, diventeranno porte. Bella.
  • Anonimo il 27/05/2015 14:56
    È vero che non riesci ad aprire quel cassetto... nessuno ti considera in questo mare piatto di nullità. Ottima la strofa finale.

2 commenti:

  • Marysol il 05/12/2015 06:49
    Il mare delle tue emozioni... lei lo veleggia con la sua forza: il tuo amore... lei ti graffia con unghie affilate, tu muto, la lasci fare...
    Attento Carmine, d'amore si può impazzire
  • Vincenzo Capitanucci il 28/05/2015 09:44
    quasi un grido di anoressia.. muta urlavi.. e chiedevi Amore.. molto bella Carmine... scetate da sta follia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0