accedi   |   crea nuovo account

[Senza titolo]

L'ultima luce
fu servita in un calice

rosso cristallo

frantumando le labbra
di chi in cuor la tradiva

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

la parola cristallo mi ha sempre fatto pensare a un Cristo in stallo di una coscienza involuta ancor addormentata quando un Uomo un Angelo o un Dio risveglia un cielo in Lui lo trasmette a tutti...


1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 27/05/2015 15:54
    Apprezzatissimo e non so dire altro, se non farti i miei complimenti!
  • Rocco Michele LETTINI il 26/05/2015 05:56
    Un tanka... un amore... un sentimento immutato... Speciale verseggio... sarà recipito?

1 commenti:

  • Chira il 26/05/2015 07:11
    La luce d'Amore di Gesù?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0