PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lunatica

Ai miei occhi di terra è la regina ed il riflesso ombroso dei miei bui silenzi

in tutte le Sue fasi di luna

è
un'anima altalenante mantellata di crepuscoli nella ricerca diluviante di se stessa

crescente o calante
piena di presenze o di nuove letargiche assenze

rimane nelle Sue follie
essendo imprigionata ad essenza

sempre fedele al sole

in questi
Suoi quarti cangianti
di sottili sottovesti velanti e trasparenti di piogge

ha
tra nuvole a chiarori di cielo
squarci e spacchi di gambe e natiche celestiali

infinitamente
del suo camminar muovendosi tra stelle di sete e pizzo

m'inebrio

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 27/05/2015 15:52
    Un tocco di penna ben forgiato. Complimenti vivissimi.
  • Rocco Michele LETTINI il 26/05/2015 06:00
    Inebriarsi... nella mutanza d'una luna... è l'uscire da bui silenzi... Straordinario poetico... mostrato abilmente...

2 commenti:

  • Verbena il 26/05/2015 18:08
    La tua creazione poetica sbalordisce! Che dire Vincenzo, sei straordinariamente ricco di pensiero. Complimenti!
  • Anonimo il 26/05/2015 16:31
    Ahhhh... Vincenzo, se fossi donna lunatica... mi concederei.
    Da maschio siculo concedo un elogio, un apprezzamento... e ti chiedo umilmente di far mie le tue parole da declamare alla mia anima.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0