accedi   |   crea nuovo account

Senilità

Di cotant'anni non isperavo mai
lo veder sí perduta gente
Cosa sia non so codesto soldo
che vuoto suona e falso alla lima

Tu guardi le canute genti
e non è per te pensiero
lo guardarti nè l'argento tuo

E giri, ti rimiri e ti fai bello
non rimembrando mai
l'istrada tua

Lancia in resta, convinzione in testa
nè lo cervel tuo folle
la conquista già è fatta e consumata

Ma l'intendimenti tuoi non son pari ai miei
Acuta, pudica, diva e madre
ma donna sono e bella

Con l'occhi miei d'oriente ho visto
l'ignorar l'antiche usanze e l'uso loro
Gonfiar t'ho visto come una rana al fosso
e l'istupidità che mostri fère lo guardo mio
e m'intristisce il core

Acciocché nell'alma tua riposa
lo spirto d'un infante bimbo
assieme ti sei posto all'omini d'un dí

Ahimé qual sarà mai, l'alma e il cor d'omo
che mi prenderà la mano
per il cammin di poi?

Và pover'omo triste, perché triste è l'esser tuo
confondi l'occhi tuoi nè l'informe massa
che più t'aggrada d'un alto spirto
Cammina solo e prova
lo bene aver smarrito

E non voltar mai lo capo tuo
à le perdute piagge

 

1
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 26/05/2015 09:37
    Un acuto... sentito verseggio pregno di molesto passato... ancor vivo nella mente dell'autrice... Meraviglioso... lo stile antico impresso...
  • Paolo Villani il 26/05/2015 08:29
    Ha un finale amaro ma nel complesso è una lirica molto bella nel contenuto e nello stile.

5 commenti:

  • Marysol il 26/05/2015 10:58
    Grazie Rocco, del tuo apprezzamento e di aver compreso quanto fossi infastidita all'epoca, di tanta sciocca e gratuita boria maschile.
    Per fortuna che a me non è mai capitato direttamente...
  • Marysol il 26/05/2015 09:13
    Paolo, scusami, ma non ho specificato il contesto temporale: avevo 17 anni, ora ne ho 51, questo episodio risale a ben 34 anni fa...
    E ho pubblicato questa filastrocca ironica, perché ormai i protagonisti sono morti e sepolti da tempo... esclusa me... grazie comunqie..
  • Paolo Villani il 26/05/2015 09:03
    Il patrigno o potenziale tale di solito non ispira simpatia per i figli, almeno all'inizio. Prova a far amicizia con lui.
  • Marysol il 26/05/2015 08:31
    Grazie Paolo ma... leggi la mia spiegazione e... sorridi
  • Marysol il 26/05/2015 08:29
    Ho scritto una doverosa nota, ma non compare, eccone grossomodo il contenuto: scritta da me all'età di 17 anni(chiedo venia per i tanti errori di forma) in occasione di un corteggiamento serrato a mia madre 50enne e ancora bellissima -divorziata da tanti anni - da parte di un attempato signore di bell'aspetto che "se la tirava" come se fosse l'unico bell'uomo sulla piazza e quasi potesse offuscare la di lei bellezza o comunque indurla a credere d'essere fortunata a ricevere le di lui attenzioni.
    Uomo purtroppo infantile e da me ampiamente sbeffeggiato con questa filastrocca sarcastica che, con il coraggio dei miei 17 anni, gli ho declamato a viva voce. Ironia pura...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0