accedi   |   crea nuovo account

Volto

Senza te non c'è persona,
Specchio dell'anima
Riveli chi sei.
Negli occhi la pietra t'imprigiona
E se innocenza si fa evidente,
sei trasparente.
Togli la pietra che copre bellezza
E luce divieni, verità;
immagine pura di tua realtà.
Senza te, tra cielo e Terra,
l'essere celato è,
come il seme che non fiorisce,
il bimbo che non nasce,
il fiore che non sboccia,
l'uomo senza faccia,
latitante,
dietro un volto che non c'è!

 

3
4 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 30/05/2015 11:50
    Dal momento che c'è la musicalità e la scorrevolezza, la rima la si può mandare a nanna, tanto è bellissima com'è!
  • Marysol il 29/05/2015 08:52
    È vero Verbena, nel volto e nella sua espressione possiamo leggere l'anima di ognuno, molto profondi i tuoi versi, bella poesia.
    Saluti a te
  • Rocco Michele LETTINI il 29/05/2015 07:26
    Il volto del tuo animo più puro... in un meraviglioso verseggio...
    LIETA GIORNATA VER...

4 commenti:

  • Verbena il 30/05/2015 12:40
    Grazie Don P per il commento. Forse non ti sei accorto che questa è una poesia a versi liberi dove le rime sono facoltative: La poesia deve avere forma in versi liberi come in questo caso, con assonanze, musicalità e contenuto valido. La poesia in metrica è come uno spartito musicale dove le parole messe come note nel rigo previsto dalla regola, danno automatica, armonica musicalità e il contenuto deve essere sempre ricco e originale. A volte poche righe possono fare una poesia importante. Faccio un eempio con questa di Vera Lezzi:
    DI LUCE IN LUCE
    "Piccoli lampi
    nell'immenso cielo...

    i miei sogni sconfinanti
    nell'infinito.
    La tue parole ed anche le tue poesie sono sempre brevi ed intense di significato. Grazie per il commento.
  • Verbena il 29/05/2015 22:56
    Signor Breus (bel nome che ricorda la poesia di G. Pascoli) . il suo commento è piuttosto fuori luogo. In questo sito, dall'Agosto 2014, fino a ieri ho pubblicato ben 176 poesie tutte rigorosamente in metrica e con gli accenti al giusto posto. Questa poesia in versi sciolti, invece, fu pubblicata nella mia prima raccolta IL PICCIONE VIAGGIATORE che mi valse l'iscrizione all'Albo dei Poeti Italiani. Grazie comunque per l'attenzione.
  • Breus il 29/05/2015 21:38
    Poesia prosaica, che condivido, ma mancano gli accenti che danno anima al componimento.
  • Vincenzo Capitanucci il 29/05/2015 10:28
    una pietra tombale.. bellissima Verbena..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0