accedi   |   crea nuovo account

Poesia all'auroa

Nella sera si spegne il giorno chiaro
e le parole grigie come cenere
se ne volano via leggere e tenere,
nascoste nel torpore muto e amaro.

La luna nella notte dolce faro,
entra nella mia stanza e come Venere
di candore e bellezza vuole stendere
sui sogni dell'amore un bacio avaro.

Le stelle impallidiscono all'aurora
e i sogni si cancellano al risveglio;
ma il cuor vorrebbe dire ancora, ancora!

Quando si accende il cielo si ristora,
con tutto ciò che il giorno dà di meglio,
colui che con amore vi lavora.

La vita ci rincuora
e grande è la passione di poesia
e tutto ciò che abbiamo lieto sia.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 31/05/2015 11:40
    Anche io dormo con le persiane sempre aperte.. e la prima ad apparire dopo il tramonto è Venere.. quasi a dirti.. anche di notte l'amore è un sole.. e le stelle impallidiscono già di luna.. quando vedono l'alba.. portare via i loro sogni..
  • roberto caterina il 31/05/2015 05:38
    È pur vero che la vita ci rincuora e con essa i sogni appena iniziati che non vorremmo finissero mai.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0