username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il parlar fitto d'Amore

Innamorati che parlano fitto fitto
Come la pioggia che non smette mai
A bassa voce
E con i visi accostati
Sembrano cantanti
Che resistono al silenzio
E intonano parole a una
Strana Divinità
Che gli altri non odono
Né comprendono

Fioriscono tra neve e brina
i soavissimi detti d'amore
Ondeggiano al vento
E scrivono nel presente
Con nuove foglie

Un'ignoranza che non genera
Malvagità costruisce
I manici dei loro liuti
Pronti a suonare
L'eccellenza dei sogni

E il loro affrettarsi a vivere.

 

1
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Marysol il 03/06/2015 00:57
    È vero, gl'innamorati parlano senza accorgersi del mondo che li circonda, sono persi nel loro amore, hanno fretta di viverlo e nessuno può entrare nella loro segreta armonia e nei loro discorsi che solo loro odono e comprendono... Bella...
  • Vincenzo Capitanucci il 02/06/2015 09:40
    Palafitte che si ergono sul lago del tempo... ho sentito un leggerissimo profumo di Prevert.. di Prati verdi sfocianti.. nei liuti di Tagore.. e la loro fretta di viversi..
  • Rocco Michele LETTINI il 02/06/2015 07:18
    Meditare per trasmettere... questo il motto che evinco... da si' meraviglioso decanto.
    ***** per una felice giornata.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0